Luna Piena in Gemelli 27-11-2023

Luna Piena in Gemelli del 27 novembre 2023 – ore 9.16

di Samantha Fumagalli

Siamo giunti al momento in cui l’opera promossa dalla Luna Nuova del 13 novembre trova piena manifestazione. Ciò che è emerso dal lavoro di indagine nel profondo, chiede ora di essere condiviso, di essere comunicato, reso pubblico (Luna Piena in Gemelli).

Bisogna cercare di farlo nonostante le difficoltà (Mercurio in Sagittario è in esilio e quindi non al massimo delle sue performance intellettive e comunicative) e senza cadere preda della confusione mentale o di una scarsa sensibilità nei confronti del prossimo e delle circostanze (quadratura Mercurio-Nettuno). Tuttavia, si può contare su energie positive che stimolano e favoriscono un intento conciliativo e di giustizia benevola (Venere in Bilancia, sestile a Mercurio).

La necessità di palesare i propri problemi e timori, affiorati in queste due settimane, è funzionale al proprio destino e alla gestione del proprio potere personale (trigono Luna-Plutone) e deve essere supervisionato da rigore e autodisciplina, pena il rischio di incontrare ostacoli e freni dall’esterno o di scontrarsi per colpa del proprio o dell’altrui fanatismo (Saturno in Pesci, quadrato a Sole, Marte e Luna). C’è anche il pericolo di istinti irruenti o di un linguaggio velenoso che potrebbero complicare l’operazione di esternazione e chiarificazione (opposizione Luna-Marte).

Il Cielo non è quindi semplicissimo, ma comporta una sfida importante e necessaria.

Sul piano mondiale, si potranno vedere alcuni degli effetti delle alleanze segrete strette nelle ultime settimane, per esempio per ciò che riguarda le operazioni militari a Gaza e in Ucraina, ma anche per quanto attiene gli accordi tra Cina e Stati Uniti e altre dinamiche su scala globale.

Nonostante l’intento della Luna di rendere pubblico il sommerso (anche con l’ausilio dei mezzi di comunicazione – Gemelli), non tutto uscirà allo scoperto e non tutto ciò che uscirà sarà vero, perché verrà controllato da alcuni poteri, vuoi con la repressione di determinate informazioni (Saturno) vuoi con l’uso propagandistico di altre (Plutone).

Nel complesso, direi che potremmo assistere a una diminuzione delle ostilità palesi e forse a qualche tregua nei conflitti o addirittura l’apertura a ipotesi conciliative.

Luna Nuova in Scorpione 13 novembre 2023 ore 9.27

Immagine composta da carta del cielo (astro-seek) e sfondo da Pixabay con licenza gratuita

di Samantha Fumagalli

Nyx, misteriosa divinità della notte, mi ha spronato a condividere il quadro astrale di questa Luna Nuova in Scorpione. Ed eccomi qui, ubbidiente all’imperativo.

In effetti, si tratta di una fase importante dell’anno, sia sotto il profilo individuale sia sotto quello mondiale, perché molte forze si stanno muovendo per fare emergere le zone d’ombra personali e collettive.

Esaminerò prima la sfera soggettiva, ovvero ciò che ognuno può fare per usare al meglio queste forze, poi mi occuperò brevemente del piano mondiale.

La Luna Nuova si verifica a 20°43′ di Scorpione, congiunta al Sole, a Marte (governatore del novilunio) e alla stella fissa di Zuben Elschemali, in opposizione a Urano a 21°04′ di Toro e in trigono a Nettuno retrogrado al 25° di Pesci.

Come sappiamo, la Luna Nuova identifica il seme di una nuova fase che crescerà con il disvelarsi della Luna fino a manifestarsi completamente nel prossimo plenilunio del 27 novembre in Gemelli.

Ora, questa Luna è governata da Marte che, trovandosi nel suo domicilio notturno, esorta a intraprendere una sorta di discesa agli inferi, animati dalla volontà e dal coraggio, per confrontarsi con le proprie paure, con i demoni interiori, le faccende irrisolte che risiedono nell’inconscio e con le ferite dell’anima, e tutto ciò con lo scopo di portare alla luce ciò che risiede nelle tenebre in un’ottica di auto-conoscenza.

L’energia guerriera di questo Marte è, da un lato, ispirata da Nettuno, quindi da ideali nobili, seppure più istintivi e caotici che riflessivi, e, dall’altro lato, è promossa da Urano che spinge a portare tutto allo scoperto, in modo abbastanza brusco e talvolta incauto.

Devo precisare che Marte è pianeta d’azione, quindi non si tratta tanto di pensare, elucubrare, rimuginare, ma di agire. È pur vero che siamo di fronte a un’azione più sotterranea che palese, ma pur sempre di azione si tratta e, facilmente, coinvolgerà gli altri o una collettività (trigono Marte-Nettuno). Quindi, anche in considerazione della scarsa prudenza di Urano, non si può escludere di tornare a casa con qualche livido, ma l’onorevole intento di fare chiarezza e raggiungere una maggior armonia interiore vale l’onere di doversi leccare un paio di ferite.

Consiglio, tuttavia, un pizzico di avvedutezza per evitare di ritrovarsi con le ossa rotte. Qualche graffio è lecito, ma è meglio non compromettere il proprio futuro a causa dell’incapacità di prevedere le conseguenze delle proprie azioni (opposizione Luna-Urano). Qui un aiuto giunge dal sestile Mercurio-Venere, che ammorbidisce i toni e mira a un dialogo che ha come scopo la comprensione reciproca. Ammetto che la quadratura Mercurio-Saturno può creare qualche ostacolo nel far collimare la percezione con la logica, di contro però tende a indurre un blocco operativo quando si ha la sensazione che le facoltà intellettive non siano al top.

Complessivamente, in queste due settimane, escluderei il pericolo di grossi danni e ritengo che l’azione di portare alla luce ciò che è sepolto sia un’opera che può essere coronata da successo. L’emersione del sommerso è infatti indispensabile, se teniamo conto che con la Luna Piena del 27 novembre servirà grande lucidità per far fronte all’attrito promosso da Saturno (in aspetto di quadratura con la Luna da un lato e con il Sole e Marte dall’altro).

Un altro elemento molto favorevole è la congiunzione della Luna Nuova con la stella fissa di Zuben Elschemali. Una stella di natura venusiana e gioviale, quindi benefica e favorevole alle inclinazioni spirituali e alla ricerca di equilibrio interiore.

Sul piano mondiale vediamo la stessa necessità di un tuffo nelle tenebre per far emergere ciò che è nascosto e, purtroppo, anche le guerre possono ascriversi a tale scopo. Qui, l’onda d’urto Marte-Urano sull’asse Scorpione-Toro fa eruttare i crateri e tremare la terra in tutti i sensi, ma fa anche uscire allo scoperto il male sotterraneo. E lo possiamo vedere, per esempio, nelle guerre in Ucraina e a Gaza, che ormai rendono palesi e inconfutabili i giochi occulti di potere che hanno tenuto in scacco gli equilibri mondiali per decenni.

Questo lavoro di emersione si compie con ferrea volontà e con coraggio e, quasi sicuramente, prevede la creazione di alleanze e accordi segreti tra potenze (il 15 novembre il Sole e Marte formano un sestile con Plutone). E ciò anche a beneficio della collettività (Sole e Marte in trigono a Nettuno; sestile Nettuno-Plutone).

Vedremo verso fine mese, con la Luna Piena del 27 novembre, i primi risultati del lavoro che Marte sta compiendo con il favore delle tenebre, ma credo proprio che riuscirà a scoperchiare qualche pentolone.

Buona vita e buon novilunio!

L’essenza del sionismo

licenza gratuita by Pixabay – Mauistik

di Aleksandr Dugin
29 ottobre 2023

Il sionismo come ideologia di Stato di Israele. Perché gli ebrei credono di essere il popolo eletto? Qual è il significato della dispersione degli ebrei come tradizione ebraica? Perché il sionismo è da un lato una continuazione dell’ebraismo e dall’altro la sua confutazione?

– Come ogni religione, l’ebraismo ha molte dimensioni. Parlarne semplicemente esaltandolo o rovesciandolo è primitivo.

– Il giudaismo è associato alla nozione che gli ebrei sono il popolo eletto (soprattutto in senso religioso). Il loro obiettivo è attendere il Messia, che sarà il re di Israele. La loro religione è quindi legata all’attesa del Mashiach.

– Secondo l’ebraismo, all’inizio del primo millennio gli ebrei si dispersero. Il Secondo Tempio fu distrutto e iniziò la storia bimillenaria della loro dispersione. Quest’epoca fa parte della tradizione ebraica. Lo scopo è quello di espiare i peccati di Israele accumulati nelle fasi storiche precedenti. Se questa espiazione è valida e il pentimento è profondo, allora, secondo la tradizione ebraica, apparirà il Mashiach, che significa la benedizione del popolo divinamente eletto. In tal caso, il ritorno degli ebrei in Israele, l’istituzione di uno Stato indipendente e la creazione del Terzo Tempio saranno i momenti più importanti.

– Questa è la struttura della cultura ebraica dell’attesa. I rappresentanti più coerenti di questo approccio sono i fondamentalisti del movimento Neturei Karta. Essi sostengono che il Dio ebraico ha ordinato di sopportare le difficoltà dell’esilio, quindi bisogna aspettare fino alla fine ed espiare i peccati. E quando arriverà il Mashiach, allora si potrà tornare nella Terra Promessa.

– Come mai lo Stato è già stato fondato e i divieti sono stati infranti? Per capire perché l’Israele moderno è in completa contraddizione con la religione ebraica, dobbiamo tornare al XVII secolo, all’epoca dello pseudo-Mashiach Shabtai Zvi, l’araldo del sionismo. Egli dichiarò di essere un mashiach e che quindi gli ebrei potevano tornare in Israele. Il destino di Shabtai Zvi è triste: quando si presentò al Sultano ottomano con le sue rivendicazioni sulla Palestina, gli fu data una scelta: essere decapitato o convertirsi all’Islam. E poi accade una cosa strana: Shabtai Zvi accetta l’Islam. Questa fu una grande delusione per le comunità ebraiche dell’epoca.

– Tuttavia, i seguaci di Shabtai Tzvi (sabbatianesimo) emersero, soprattutto tra gli ebrei ashkenaziti e dell’Europa orientale. Parallelamente, si sviluppò il movimento chassidico, che non aveva un orientamento escatologico o messianico, ma diffondeva gli insegnamenti della Cabala tra la gente comune.

– In alcune sette del sabbatianesimo (in particolare, tra i frankisti in Polonia), è emersa una teologia: presumibilmente, Shabtai Zvi era il vero messia e si era convertito all’Islam di proposito; in questo modo, aveva commesso un “santo tradimento” (tradire l’ebraismo per realizzare la venuta del Mashiach).

– Secondo questa logica, ci si può tranquillamente convertire ad altre religioni – Frank, ad esempio, si convertì prima all’Islam, poi al cattolicesimo, dimostrò come gli ebrei mangiano i bambini cristiani… Trasgredì completamente tutte le forme del Talmudismo, tradì la sua fede – ma la dottrina segreta di Frank fece sì che dopo il XVII secolo l’idea stessa di Mashiach cambiasse. Ora gli ebrei stessi sono diventati Mashiach – non è necessario aspettarlo, quindi anche se si tradisce la propria religione, si è santi – si è Dio.

– Si creò così l’ambiente intellettuale per il sionismo. Il sionismo è il satanismo ebraico, il satanismo all’interno dell’ebraismo, che rovescia tutti i fondamenti. Se nell’ebraismo è necessario attendere la venuta del Mashiach, nel sionismo l’ebreo è già un dio. Poi ci sono le violazioni dei comandamenti talmudici.

– Da qui il rapporto specifico tra sionismo ed ebraismo. Da un lato, il sionismo è una continuazione dell’ebraismo, dall’altro ne è la confutazione. I sionisti dicono che non c’è più nulla di cui pentirsi, hanno sofferto abbastanza e sono Dio.

– Questo spiega la peculiarità del moderno Stato sionista, che non si basa solo su Israele, ma anche su ebrei laici, ebrei liberali, ebrei comunisti, ebrei capitalisti, ebrei cristiani, ebrei musulmani, ebrei indù, ecc. Tutti coloro che rappresentano la rete del Franchismo – ognuno di loro può tranquillamente compiere un sacro tradimento, costruire uno Stato, affermare il dominio del mondo, stabilire un divieto di critica al sionismo (in alcuni Stati americani, la critica allo Stato di Israele è equiparata all’antisemitismo).

– A quel punto non resta che un passo: far saltare in aria la moschea di El Aqsa e iniziare a costruire il Terzo Tempio. A proposito, la Knesset ha già stanziato fondi per la ricerca sul Monte del Tempio: tutto si muove in questa direzione.

– Come si può spegnere un conflitto con basi metafisiche così profonde con un appello alle Nazioni Unite, con frasi come “facciamo la pace” o “rispettiamo i diritti umani”? Questi diritti umani li hanno visti nel conflitto palestinese. Inoltre, sentiamo sempre più affermazioni assurde da parte loro – per esempio, l’accusa di antisemitismo di chi si limita a difendere i palestinesi semiti….

– Se superiamo l’ipnosi, la nebbia del nonsense e la deframmentazione postmoderna della coscienza, vediamo un quadro molto interessante e spaventoso di ciò che sta accadendo in Medio Oriente.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini
IdeeAzione

L’ONU si è arresa agli USA

licenza gratuita by Pixabay

di Lucas Leiroz
2 novembre 2023

L’inefficienza delle Nazioni Unite nel prevenire i crimini contro l’umanità sta facendo esaurire la pazienza dei suoi stessi funzionari. Recentemente, il direttore dell’Ufficio delle Nazioni Unite per i diritti umani (OHCHR) ha rassegnato le dimissioni dal suo incarico, dichiarandosi insoddisfatto dell’attuale ruolo dell’ONU nel conflitto israelo-palestinese. Questo dimostra chiaramente come l’organizzazione abbia urgentemente bisogno di adattarsi a una realtà multipolare se vuole sopravvivere agli attuali cambiamenti geopolitici.

Craig Mokhiber ha annunciato la sua decisione di dimettersi il 31 ottobre. Ha scritto una lettera di dimissioni esprimendo il suo sdegno per l’attuale situazione dell’ONU, che a suo avviso si è “arresa” agli Stati Uniti. Secondo lui, la “lobby” sionista è riuscita a controllare istituzionalmente sia la politica interna degli Stati Uniti che le stesse Nazioni Unite, impedendo di prendere misure contro il genocidio perpetrato da Israele in Palestina.

“Ancora una volta, stiamo assistendo a un genocidio che si sta svolgendo sotto i nostri occhi, e l’Organizzazione che serviamo sembra impotente a fermarlo (…) Negli ultimi decenni, parti fondamentali delle Nazioni Unite si sono arrese al potere degli Stati Uniti e alla paura della lobby israeliana, abbandonando questi principi e ritirandosi dal diritto internazionale stesso. Abbiamo perso molto in questo abbandono, non da ultimo la nostra credibilità globale. Ma è il popolo palestinese ad aver subito le perdite maggiori a causa dei nostri fallimenti”, ha dichiarato.

Mokhiber considera il sionismo un’ideologia colonialista, razzista ed espansionista, che esprime la continuità dell’imperialismo europeo. Vede la politica di creazione di insediamenti illegali come un progetto coloniale per massacrare le popolazioni native e dare a Israele un controllo territoriale cumulativo. Mokhiber denuncia inoltre con forza il ruolo di Stati Uniti, Regno Unito e Paesi europei in questa politica israeliana e sottolinea come i media occidentali agiscano con complicità in questo processo di genocidio e pulizia etnica.

“Ma l’attuale massacro all’ingrosso del popolo palestinese, radicato in un’ideologia coloniale etno-nazionalista… non lascia spazio a dubbi o discussioni (…) Questo è un caso di genocidio da manuale. Il progetto coloniale europeo, etno-nazionalista, in Palestina è entrato nella sua fase finale, verso la rapida distruzione degli ultimi resti della vita indigena palestinese in Palestina (…) [Gli Stati Uniti, il Regno Unito e] gran parte dell’Europa sono totalmente complici dell’orribile assalto [armando attivamente l’assalto, fornendo sostegno economico e di intelligence e dando copertura politica e diplomatica alle atrocità di Israele (…). …) I media aziendali occidentali, sempre più catturati e vicini allo Stato, [hanno] continuamente disumanizzato i palestinesi per facilitare il genocidio e trasmesso propaganda di guerra e incitamento all’odio nazionale, razziale o religioso”, ha aggiunto.

È curioso notare come le critiche di Mokhiber confermino ciò che da tempo viene denunciato da funzionari di Paesi considerati nemici dall’Occidente. L’ONU sta infatti diventando incapace di risolvere i problemi globali contemporanei. Rimanendo associata a una realtà unipolare occidentale, l’organizzazione non è in grado di affrontare in modo appropriato le nuove questioni globali, il che la mette in serio pericolo esistenziale.

Un esempio recente dell’incapacità delle Nazioni Unite è stato il modo in cui l’organizzazione ha affrontato la crisi in Ucraina. Nonostante le numerose prove di genocidio e pulizia etnica contro la popolazione del Donbass, non sono state attuate misure per dissuadere il regime neonazista di Kiev, lasciando alla Russia l’unica opzione di lanciare un’operazione militare speciale. Allo stesso modo, dopo l’inizio dell’operazione, le Nazioni Unite non sono state in grado di raggiungere un consenso sulla necessità di evitare il prolungamento del conflitto, rimanendo inerti mentre la NATO inviava armi al regime, trasformando le ostilità locali in una guerra su larga scala.

Ora si ripresenta lo stesso problema: un processo di genocidio e di conflitto militare si sta espandendo in modo devastante e l’ONU non è in grado di impedire l’aggravarsi della situazione. Le proposte di risoluzione che avrebbero potuto evitare la carneficina e creare un dialogo diplomatico, come quella proposta dalla Russia che chiedeva un cessate il fuoco, sono state prontamente respinte dalle potenze occidentali in seno al Consiglio di Sicurezza. Questo ha impedito qualsiasi forma di risoluzione diplomatica e ha dato a Tel Aviv carta bianca per continuare a commettere crimini contro il popolo palestinese con la scusa di “combattere Hamas”.

L’ONU sembra davvero essere ostaggio degli interessi occidentali. In pratica, per “compiacere” le élite occidentali e sioniste, l’ONU rimane passiva di fronte a un massacro e a un conflitto che può rapidamente degenerare a livello globale – dal momento che gli Stati Uniti e l’Iran possono impegnarsi apertamente in qualsiasi momento, il che farebbe andare le tensioni fuori controllo. In questo modo, l’ONU sembra avviarsi verso la stessa fine del suo predecessore, la Società delle Nazioni, istituita dopo la prima guerra mondiale con l’obiettivo di prevenire un nuovo conflitto simile, non essendo riuscita a sventare la seconda guerra mondiale.

Per evitare questo tragico destino, c’è solo una strada per l’ONU: una profonda riforma, che la adatti alla realtà geopolitica multipolare e crei meccanismi efficienti per prevenire conflitti e crimini contro l’umanità.

Pubblicato su infobrics.org

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini 

Idee&Azione

Via dai luoghi comuni

Toglietevi dalla testa l’idea che le streghe siano esseri demoniaci, schiave o concubine del diavolo.

Toglietevi dalla testa anche l’immagine romantica della strega come essere eletto e soave.

La strega mira all’impeccabilità, sa essere amorevole, ma anche spietata e dura se necessario.

La fretta e la tifoseria

Premetto che la mia è soltanto una riflessione rivolta a chi continua a farsi domande e vuole difendere la propria libertà di pensiero nel vortice di mille illusioni. Ho smesso da tempo di rivolgermi a chi sa già tutto o ha abdicato al diritto di sovranità sul proprio pensiero. A costoro lascio le loro certezze e vado oltre…

licenza gratuita by Pixabay – Public Domain Pictures

La riflessione attiene alla fretta di giungere a conclusioni spesso approssimative e alla tifoseria di campo. Fattori non certo nuovi, ma che sono in preoccupante aumento.

Negli ultimi anni abbiamo visto esacerbarsi i conflitti sociali, di solito su basi ideologiche e non realistiche, e abbiamo osservato come la politica e l’informazione mirino proprio al risultato di creare divisione, rabbia, contrasto e pilotare la gente verso un pensiero unico. Prima su questioni di salute, poi su tematiche ecologiche e più recentemente sulle guerre. E ogni volta abbiamo assistito alla censura del pensiero critico e del confronto, all’applicazione di etichette e all’incitazione al conflitto e alla discriminazione.

Insomma, chi pensa con la propria testa e non si conforma al pensiero unico, non è ben visto e diventa automaticamente un no-qualcosa, un pro-qualcos’altro, un -ista o un anti-ista, ovviamente della peggior specie.

Il giochetto prosegue e oggi si ripresenta con il conflitto Istraele-Gaza: ancora una volta i media prendono immediatamente posizione, a discapito della vera informazione, e lo stesso sembra fare una parte dei contro-informatori.

Ora, due parole di riflessione mi sembrano doverose.

In primis, un’informazione corretta, che miri alla libertà di pensiero dell’individuo, dovrebbe raccontare i fatti con la maggior imparzialità possibile.

Secondariamente, se si vuole fare un approfondimento per migliorare la comprensione, si possono analizzare i dati, la storia passata, le ragioni, eccetera, sempre con doverosa prudenza e con la disposizione mentale a valutare nuovi sviluppi che potrebbero cambiare le carte in tavola o modificare l’interpretazione.

Bene, questo tipo di informazione è assente nei media mainstream e chi vuole difendere la propria libertà di pensiero deve, per forza di cose, cercare altre fonti e fare approfondimenti in prima persona. La cosa preoccupante, ora, è che anche la contro-informazione (o almeno una parte di essa) sta finendo con il fare la stessa cosa, ma sul fronte opposto: appena esce una notizia la diffonde con interpretazioni antitetiche, spesso affrettate, cospirative e dal carattere clamoroso. Si rischia, così, di trasformare l’informazione alternativa in disinformazione con conseguenze pessime sulla libertà di pensiero (che si vorrebbe difendere), sulla capacità di giudizio e sulla tenuta stessa della salute mentale. Per non parlare del fatto che si incrementa una divisione sociale delirante.

Lasciamo da parte i figli dei media mainstream che, se ci credono ancora, sono ormai irrecuperabili, e focalizziamoci sui fruitori dell’informazione alternativa. Qui notiamo due o più schieramenti che si accusano, talvolta aggredendosi, per dimostrare le rispettive tesi.

Risultato? Il fronte del dissenso risulta frantumato.

A chi giova? Non certo al fronte del dissenso.

C’è da chiedersi se sia promosso dall’alto o se queste persone siano bravissime a sabotarsi da sole. In mancanza di certezze, temo che siano valide entrambe le ipotesi.

Nel mio piccolo, suggerisco: prudenza, sangue freddo, osservazione della realtà (compreso saper riconoscere quando i dati sono troppo scarni per trarre conclusioni), esercizio della facoltà di sospendere il giudizio, discernimento, ragione e buon senso.

Quanto alla tifoseria, mi sembra quantomai sterile. Se la trovo ridicola nello sport, qui direi che è decisamente inutile. Più interessante è invece valutare quale interpretazione e quali linee di azione ci sembrano più affini al nostro pensiero, alla nostra visione del mondo, alla nostra etica, alle nostre speranze. Con l’attenzione a non cadere nella presunzione di giudicare dall’alto chi la pensa diversamente e non pretendere che il nostro punto di vista sia necessariamente giusto e quindi condiviso dagli altri.

Prima di concludere, aggiungo una considerazione di carattere astrologico.

Allenare la sana logica, il buon senso, la ragione e le facoltà intellettive per dominare il caos, per comprendere il metafisico o per ordinare i dati, sono tutte necessità imposte dalla presenza di Saturno in Pesci, pena finire vittime di abbagli, illusioni e paure della peggior specie.

Entrato nel segno dei Pesci a marzo 2023, Saturno vi soggiorna fino all’inizio di febbraio 2026 e il suo insegnamento è proprio quello di portare ordine e giustizia nel disordine e nella confusione.

I Pesci sono simbolo della consapevolezza, del vitale e misterioso oceano nel quale siamo tutti immersi, del misticismo, del mondo interiore, dell’immaginazione, dell’ispirazione, e tra i suoi archetipi troviamo i sognatori, i mistici e i poeti.

Saturno è il pianeta del rigore, della privazione, delle prove della vita, dell’azione implacabile del karma, della logica, delle facoltà superiori dell’intelletto, della ragione.

Ora, cavalcato con maestria, questo Saturno ci insegna a rinunciare alle illusioni, alle ispirazioni fasulle, ai sogni irrealizzabili. Ci invita a investigare il mondo con buon senso, logica e ragione. Ci sprona ad affacciarci sul caos e mettervi ordine. Ci spinge a portare verità e rigore nella dimensione interiore, nel senso mistico, nel trascendentale.

Chi accoglie il suo suggerimento, vedrà il caos dipanarsi pian piano. Chi lo rifiuta, al contrario, subirà la sua azione inesorabile (perché Saturno non si fermerà soltanto perché qualcuno mette la testa sotto la sabbia) e vedrà scatenarsi dentro di sé le peggiori distorsioni della realtà. L’ombra di questo Saturno, infatti, porta fanatismo, irrigidimento, chimere, errori, sensazione di impotenza, paura di dover subire l’esercizio di un potere ingiusto, smarrimento, sofferenza.

Ma c’è di più, perché l’ombra di Saturno si protende anche su chi detiene il potere e può indurre alcuni rappresentanti delle élite a esercitare forme di repressione molto dure o violente allo scopo di imporre norme e di impedire la proliferazione di idee diverse e controcorrente.

Il non assumersi la responsabilità individuale di questo transito, espone il fianco a subire proprio queste forme di repressione e di distorsione della realtà, che portano a frantumare il fronte del dissenso e la sua forza positiva e propositiva.

La panoramica di Saturno in Pesci è molto più vasta, ma in questo contesto mi sembrava opportuno concentrarmi sull’aspetto che riguarda tutti coloro che vogliono conservarsi liberi, capaci di pensiero autonomo e autodeterminazione.

Samantha Fumagalli

La metafisica della guerra dell’informazione

di Aleksandr Dugin

La guerra globale dell’informazione è ormai in pieno svolgimento. Diverse versioni della realtà si scontrano sempre più apertamente tra loro. Le società e gli individui scelgono da soli in quale realtà credere e poi vivono in essa.

Se consideriamo la “vecchia maniera” nello spirito del materialismo classico, la realtà è una sola, differiscono solo le sue descrizioni e interpretazioni. Ecco perché presumono che alcune persone mentano e altre dicano la verità, i ruoli possono cambiare. L’intera questione è a chi crediamo in tali o tali circostanze.

Non è però così la realtà stessa – come sanno sia fenomenologi che strutturalisti – è un prodotto della coscienza umana. Non c’è realtà al di fuori di esso, e gli elementi residui puramente esterni non sono più carichi di essere o di significato. Pertanto, nella guerra dell’informazione, non sono solo le interpretazioni a scontrarsi, ma i fatti stessi.

Esiste più di una realtà, con tante strutture di coscienza (collettiva, ovviamente) quante sono le realtà. Non solo valutazioni dei fatti, ma i fatti stessi. I materialisti e le persone lontane dalla filosofia non sono pronti ad accettarlo, la loro fede in una realtà indipendente dalla coscienza è incrollabile, e fintanto che sarà così, saranno loro le vittime della guerra dell’informazione, non coloro che ne sono i padroni.

La coscienza crea la realtà.

Nel mondo globalista unipolare, solo una coscienza è riconosciuta per impostazione predefinita: liberale e occidentale. È questa coscienza che costruisce la realtà: non solo cosa è buono e cosa è male, ma cosa è e cosa non è. La multipolarità è un atto di affermazione della sovranità di altre coscienze, diverse da quella occidentale. Ciò significa che la realtà stessa diventa policentrica. L’informazione costituisce ciò che percepiamo come essere. Ecco perché al centro della guerra dell’informazione non dovrebbero essere né i militari né i giornalisti, ma prima di tutto i filosofi. La sovranità è innanzitutto una questione di mente. Sovrano è colui che è il maestro indipendente e finale della costruzione della realtà.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Licenza gratuita by Pixabay

Le civiltà muoiono di suicidio, non di assassinio

Quattro frasi di Arnold Toynbee (storico, 1889-1975) per capire che stiamo vivendo l’apocalisse della cosiddetta “civiltà occidentale”.

“Le civiltà muoiono di suicidio, non di assassinio.”

“La civiltà è un movimento, non una condizione; un viaggio, e non un porto.”

“Dare buone opportunità alla creatività potenziale è una faccenda di vita o di morte per qualsiasi società.”

“La storia ci insegna che quando una razza barbarica si confronta con una cultura dormiente, i barbari vincono sempre.”

Ora, è chiaro che la civiltà occidentale si sta suicidando per meno delle sue élite e con la tacita condiscendenza della sua gente, che dorme e non vuole svegliarsi, non vuole vedere, capire, ritrovare le sue tradizioni ed evolvere.

Le élite occidentali stanno cercando di salvare i propri interessi a danno dei cittadini, che vengono impoveriti, terrorizzati e ingannati strategicamente. Queste élite si sono arroccate sulla vetta di un pensiero morto, che è la loro idea di totalitarismo. Non c’entra neanche più la globalizzazione, che peraltro è un fenomeno irreversibile, si tratta di una vera e propria dittatura totalitarista.

Chi dice che l’Occidente è sotto attacco da parte di altri Stati, altre culture, altre tradizioni e civiltà, mente. Probabilmente sapendo di mentire, anche se non si può escludere la “buona fede” fanatica e deviata. L’Occidente è stretto nella morsa di se stesso. Concepisce la propria civiltà come statica, e quindi incapace di vera evoluzione, e vede in un progresso disumano (iper-digitalizzazione, intelligenza artificiale, controllo, ingerenza delle élite nella vita dei cittadini, eccetera) il proprio futuro. Ha chiuso le porte alla libertà di pensiero e di azione, alla creatività e all’iniziativa individuale, all’esistenza di una dimensione spirituale dell’uomo, alla crescita stessa della propria società e civiltà.

Una condizione del genere è destinata alla morte e, come diceva Toynbee, non per assassinio ma per suicidio.

Stanno emergendo nel mondo nuove forze, più vitali e vincenti perché sveglie e desiderose di svilupparsi. Sta a noi decidere se integrarci e portare il nostro contributo di esperienza, tradizione e conoscenza, oppure se farci spazzare via o lasciare al buon cuore e alla saggezza di queste nuove forze il compito di salvare la nostra civiltà.